programmazioni

 

 

 

 

------------------> > > “TEMPI MODERNI- La commedia rivista’’

DAL 23 LUGLIO AL 2 AGOSTO SPETTACOLI NELLE CORTI DI CAPANNORI - Da un’idea di Roberto Castello -
programma pdf
evento FB

 

 

Trentuno spettacoli animeranno sette corti del comune di Capannori nelle serate dal 23 luglio al 2 agosto. È la nuova rassegna teatrale estiva 'Tempi Moderni - La commedia rivista' ideata da Roberto Castello e prodotta da ALDES / SPAM! con il sostegno e il patrocinio del Comune di Capannori e in collaborazione con Officine della Cultura di Arezzo e la Caritas Diocesana di Lucca, che mira a innescare un circolo virtuoso di scambio artistico e popolare in un’ottica di comunità e solidarietà.

 

Nata dalla riflessione sul come continuare a far cultura e dall’esigenza di attivare azioni concrete per porre argine al vuoto venutosi a creare con la crisi della pandemia, Tempi moderni è la rassegna che vuole partire da un’indagine di territorio, pensata appositamente per il Comune di Capannori, costituito da molte case di corte.

 

Il  progetto, che omaggia esplicitamente il celebre film del ’36 dove un giovane Charlie Chaplin si districava con una serie di acrobazie tra gli enormi ingranaggi di una fabbrica, si compone di 4 mini-spettacoli della durata di mezz’ora ciascuno, tutti pensati per andare in scena nel pieno rispetto delle norme di distanziamento anti-Covid.
Creazioni agili, veloci, leggere e brillanti, diverse fra loro nel contenuto ma tutte con la medesima struttura: un attore/attrice e un danzatore/danzatrice si esibiscono in alternanza, a ritmi serrati – ouverture, primo atto, intermezzo, secondo atto, finale – su una pedana di 2x2 metri, con esigenze tecniche quasi nulle, dando vita a un’opera snella, di comicità impegnata, che si ispira allo spettacolo popolare dei primi del ‘900 e si interroga sul tema della “ricchezza” e del “valore”: cosa oggi ha, o non ha più, senso?

 

Rivolta ad un pubblico di ogni tipo ed ogni età, la rassegna prevede di non adottare la solita formula del pagamento del biglietto per assistere allo spettacolo, operazione tra le altre cose complicata per la gestione dell’esperimento. In un’ottica di gratificazione del lavoro, di senso di comunità dove ognuno offre qualcosa, gli artisti in questo caso la loro arte, si vedrà un pubblico a cui verrà chiesto di onorare il lavoro degli artisti con ortaggi, pasta, dentifricio… cioè prodotti dell’orto, cibo e/o beni di prima necessità. Una pratica di responsabilizzazione sociale e collettiva. Verrà accettato tutto, tranne il denaro e la raccolta verrà ritirata sul posto e immessa nel circuito  della Caritas per poi essere distribuita a persone e famiglie in difficoltà.

 

La progettualità solidale del lavoro non si esaurisce però nella risposta del pubblico agli artisti, l’intera struttura del progetto è infatti pensata per una agilità e una sostenibilità economica che aspirano a conseguenze benefiche in primo luogo per gli artisti e i tecnici stessi. L’intento di ALDES e Officine della Cultura è infatti quello di riservare una particolare attenzione anche alla distribuzione delle risorse di lavoro, offrire più opportunità possibili, in considerazione della difficile situazione del settore, suddividendo le risorse disponibili fra il maggior numero possibile di soggetti.La scelta di una struttura di spettacolo elementare, svelta e agile, permette infatti di coinvolgere un numero elevato di professionisti nella costruzione e realizzazione delle rappresentazioni. Tutti i professionisti che danno vita al progetto percepiscono una eguale cifra di compenso, con l’obiettivo di riservare una speciale attenzione alla distribuzione delle risorse di lavoro. Una valutazione di carattere occupazionale che aspira a favorire una struttura di guadagno paritaria, che renda possibile tentare di occuparsi di teatro anche in questi, senza dubbio complicati, tempi moderni.

La collaborazione tra ALDES e Officine della Cultura fa sì che il progetto Tempi Moderni,  si arricchisca in termini di contenuti con 'Colmi, Lazzi, Scherzi, Inezie', un omaggio di Officine della Cultura a Ettore Petrolini. Uno “spettacolo viaggiante” che si integra perfettamente con le poetiche del progetto e che in alcune serate si abbinerà ai quattro mini spettacoli portando in giro la comicità sprezzante e moderna (pur se concepita nei primi del ‘900) di Petrolini. Un camioncino scenografato che si fa palcoscenico e trasporta 5 teatranti musicisti: Stefano Ferri e i Solisti della Orchestra Multietnica di Arezzo: Luca Roccia Baldini (contrabbasso), Massimo Ferri (chitarra), Gianni Micheli (clarinetto), Mariel Tahiraj (violino).

 

“ Tempi Moderni – La commedia rivista” è un primo passo fuori dal tempo complesso di un’emergenza sanitaria che, a tutt’oggi, piega le ginocchia di vaste zone del nostro mondo con più di otto milioni di contagi – spiega Roberto Castello - . Un evento di tale portata e gravità non potrà che ridisegnare le strade delle arti, andando a incidere profondamente su quanto, prima di questa esperienza, avevamo dato per assodato, scontato, acquisito. Proprio nei momenti di crisi, però, la chiamata alla riflessione sui meccanismi di produzione e diffusione della cultura si fa più che mai urgente. In un tempo in cui la necessità clinica del distanziamento impone nuovi modi e spazi alla socialità, Tempi moderni vuole rispondere a questa chiamata dimostrando che il teatro, arte dell’assembramento e dello stare insieme per eccellenza, può essere ancora la chiave dell’incontro e dello scambio umano, nel pieno rispetto delle norme anti-Covid”.

 

A costruire l’architettura e portare in scena questo teatro che si sposta sono: 4 drammaturghi – Samuele Boncompagni, Andrea Cosentino, Riccardo Goretti e Marcela Serli – che scrivono per 4 attori – Marco Brinzi, Silvia Frasson, Mariano Nieddu e Caterina Simonelli – e 4 danzatori – Erica Bravini, Riccardo De Simone, Giselda Ranieri e Ilenia Romano – che si esibiscono sulle creazioni di 4 musicisti – Enrico Fink Quartet, Gaudats Junk band, Stefano Giannotti e Filippo Paolini aka Økapi – con coreografie di Roberto Castello. I costumi sono di Desirée Costanzo.

 

“I testi saranno brillanti, divertenti, leggeri e/o comici - prosegue Roberto Castello - un teatro popolare contemporaneo portato in scena da professionisti che non hanno timore di girare di corte in corte, esibendosi anche davanti a chi a teatro non va mai. È evidente come non sia possibile in queste situazioni prevedere il pagamento di un biglietto. Di qui l’idea di chiedere al pubblico di contraccambiare lo spettacolo con prodotti dell’orto, cibo  e altri beni di prima necessità, affinché siano distribuiti a chi si trova in difficoltà economiche trasformando quindi in qualche modo, con una sorta di magia, i fondi per lo spettacolo dal vivo in fondi per la solidarietà sociale”.

 

 

--- --- --- --- ---
'Tempi Moderni - La commedia rivista' è una rassegna curata e realizzata da ALDES / SPAM! in collaborazione con Officine della Cultura di Arezzo, con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Toscana, Comune di Capannori, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e la collaborazione della Caritas Diocesiana di Lucca.

 

 

 

Il programma completo della rassegna 'Tempi Moderni - La commedia rivista':

 

 

gio 23 luglio
h 20.00 Corte Luporini (Santa Margherita) La finale delle schiappe
h 21.30 Cortaccia (Badia di Cantignano) Per i bischeri non c’è paradiso
h 21.30 Piazza Del Rio (Ruota) La finale delle schiappe

 

ve 24 luglio
h 20.00 Aia Saponati (Matraia) La finale delle schiappe
h 20.00 Corte Speziale (Segromigno in Monte) Per i bischeri non c’è paradiso
h 21.30 Corte Cristo (Lammari) Per i bischeri non c’è paradiso
h 21.30 Corte Biagetti (Marlia) La finale delle schiappe

 

sa 25 luglio
h 20.00 Corte Luporini (Santa Margherita) Per i bischeri non c’è paradiso
h 21.30 Cortaccia (Badia di Cantignano) La finale delle schiappe
h 21.30 Piazza Del Rio (Ruota) Per i bischeri non c’è paradiso

 

do 26 luglio
h 20.00 Aia Saponati (Matraia) Per i bischeri non c’è paradiso
h 20.00 Corte Speziale (Segromigno in Monte) La finale delle schiappe
h 21.30 Corte Cristo (Lammari) La finale delle schiappe
h 21.30 Corte Biagetti (Marlia) Per i bischeri non c’è paradiso

 

gio 30 luglio
h 20.00 Corte Luporini (Santa Margherita) Evasioni
h 21.30 Cortaccia (Badia di Cantignano) Voglio cambiare lavoro
h 21.30 Piazza del Rio (Ruota) Evasioni

 

ve 31 luglio
h 20.00 Aia Saponati (Matraia) Evasioni
h 20.00 Corte Speziale (Segromigno in Monte) Voglio cambiare lavoro
h 21.30 Corte Cristo (Lammari) Voglio cambiare lavoro
h 21.30 Corte Biagetti (Marlia) Evasioni

 

sa 1 agosto
h 20.00 Corte Speziale (Segromigno in Monte) Evasioni
h 20.00* Corte Luporini (Santa Margherita) Colmi, Lazzi, Scherzi, Inezie + Voglio cambiare lavoro
h 21.00* Cortaccia (Badia di Cantignano) Colmi, Lazzi, Scherzi, Inezie + Evasioni
h 22.00* Piazza Del Rio (Ruota) Colmi, Lazzi, Scherzi, Inezie + Voglio cambiare lavoro

 

do 2 agosto
h 20.00 Aia Saponati (Matraia) Voglio cambiare lavoro
h 21.30 Corte Cristo (Lammari) Evasioni
h 21.30 Corte Biagetti (Marlia) Voglio cambiare lavoro

 

 

*doppio spettacolo

 

 

 

 

 

> Per informazioni:

T. 3483213504 – info@spamweb.it
Comunicazione / uff. stampa:  Erika Cofone - erika.cofone@gmail.com T. 3408150053 
Comunicazione web: Alessandra Moretti - moretti@aldesweb.org T. 3483213503
Web: www.spamweb.it
FB SPAM!: https://www.facebook.com/spamweb/

> evento FB: https://www.facebook.com/events/273537517074392/

 

 

 

 

 

------------------> > >  il 20 maggio Manifest'Azione per Giacomo Verde - a cura di Dalila D'Amico
Giornata in memoria dell'artista Giacomo Verde
dalle 10.00 alle 22.00 sulla pagina fb del Teatro Biblioteca Quarticciolo

 

Il 20 Maggio il Teatro Biblioteca Quarticciolo in collaborazione con ALDES dedica un ritratto  all'artivista Giacomo Verde, scomparso di recente.

Fra i pionieri dell'arte elettronica e digitale italiana, regista, performer, poeta e attivista, Giacomo Verde ha attraversato dagli anni '80 fino agli ultimi giorni della sua vita molteplici territori artistici con un approccio critico, creativo e sovversivo nei confronti dei diversi media impiegati. Tre costanti hanno permeato la ricerca dell'artista: il ribaltamento di ogni limite in opportunità creativa, la continuità tra l'arte e la vita, la creazione di comunità.

 

Per  tracciare un percorso, in maniera gioiosa e collettiva la pagina fb del Teatro Biblioteca Quarticciolo dalle ore 10.00 alle ore 22.00 pubblicherà pensieri, video, fotografie e articoli di artisti che hanno collaborato con Giacomo Verde. Questa collezione di dediche online sarà intervallata da due dirette streaming realizzate in dialogo con artisti, studiose e studiosi che racconteranno  l'inconfondibile e dirompente carica estetica dell'artista.

 

PROGRAMMA

 

Dalle ore 10.00 alle ore 22.00

un pensiero per Giac (contributi di artisti e artiste)

 

Ore 17.00 DIRETTA STREAMING

Carlo Infante (docente di Performing Media e fondatore di Urban Experience) in conversazione con Renzo Boldrini (autore e regista)

 

Ore 18.30 DIRETTA STREAMING

Dalila D'Amico in conversazione con Tommaso Verde (figlio e Presidente dell'archivio Giacomo Verde), Anna Maria Monteverdi (esperta in digital performance e video teatro e ricercatrice in Discipline dello Spettacolo), Andrea Balzola Multimedia e Teatro (drammaturgo, regista e docente di drammaturgia multimediale), Sandra Lischi (Prof.ssa di Cinema, Fotografia e Televisione), Silvana Vassallo (curatrice, gallerista, studiosa di arte contemporanea Roberto Castello (coreografo e co-fondatore di ALDES)

 

 

l'EVENTO FB > link

 

 

 

 

------------------> > >  siamo lieti di segnalare che dal 6 maggio alle h12, il Teatro di Roma aprirà #TdRonline, il suo palinsesto di programmazione virtuale, pubblicando la ripresa integrale de IL PICCOLO DIARIO DI MALANNI + D. come sentito omaggio all’artista e attivista Giacomo Verde, pioniere della videoarte italiana, venuto a mancare nei giorni scorsi. Un testamento umano dell’arte per la vita, che sarebbe stato programmato in stagione al Teatro Torlonia.

 

Da quel momento in poi il video resterà visibile al link https://youtu.be/VY4Kc1Gy8T4 (link attivo a partire dalle h12 di me 6 maggio), sul canale Youtube del Teatro di Roma. Il video è inserito all'interno della playlist Schegge&Racconti.

 

Come accompagnamento alla visione del video, a cura di Carlo Carmazzi, Dalila D'Amico scrive:

 

Giacomo Verde è stato un artista, performer, narratore, poeta che ha attraversato con disarmante naturalezza diversi ambiti disciplinari con un'attitudine sperimentale e sovversiva rispetto ai diversi media impiegati.

Ci sono tre costanti che permeano tutta la ricerca dell'artista: il creare comunità, il ribaltamento di ogni limite o problema in opportunità creativa, la continuità tra l'arte e la vita. “Il piccolo Diario di Malanni” riassume con dirompente semplicità queste tre caratteristiche del suo fare artistico.

L'artista in scena accoglie gli spettatori con una mela in mano, la taglia a metà in senso orizzontale facendo osservare all'interno la forma di una stella, solitamente occultata dall'abitudine di tagliare il frutto in senso verticale. Ecco l'invito a superare le abitudini e cambiare il nostro sguardo sul mondo, proprio come l'autore trasforma un quadernetto di promozione farmaceutica in un diario intimo, un testamento prezioso sulla precarietà e la miseria cui è destinato l'artista che non si piega alle mode e agli interessi del mercato.

Giacomo Verde riprende con una telecamera i disegni e gli appunti sedimentati in quel piccolo taccuino negli anni, trasformando i "malanni" (fisici ed economici), in un incontro esorcizzante con la morte. Una danza estatica che libera la malattia dal dominio della medicina per condurla a quello del rituale collettivo. Un inno alla vita che culmina nella condivisione gioiosa con gli spettatori della mela tagliata all'inizio.

 

questa la pag web del lavoro: http://www.aldesweb.org/it/il_piccolo_diario_dei_malanni

 

 

 

 

 

EVENTI PASSATI

 

 

 

------------------> > >  Domenica 8/12 e lunedì 9/12/2019 a SPAM! (Porcari LU) - h21 - nell'ambito di TEMPI DI REAZIONE i due ultimi appuntamenti con l'improvvisazione in musica e danza >>>

 

> Domenica 8/12 (FB)
Antonio Caggiano, uno dei maggiori percussionisti italiani con Elio Martusciello, nome di rilievo della musica elettronica
introduzione a cura di Antonio Pellicori

 

> Lunedì 9/12

Una coppia che da decenni rappresenta il punto di riferimento italiano per la contact improvisation: Alessandro Certini e Charlotte Zerbey di Company Blu, accompagnati per l'occasione dal duo di musica elettronica Instant Places / Laura Kavanaugh e Ian Birse, con cui presentano un nuovo progetto improvvisativo: "Sotto un sottotesto"

 

Antonio Caggiano si è formato come percussionista al Conservatorio dell’Aquila e come compositore all’Accademia di Santa Cecilia di Roma, nel 1987 dà vita con Gianluca Ruggeri all’Ensemble Ars Ludi con cui partecipa a importanti festivals e rassegne nazionali e internazionali, intrecciando rapporti di collaborazione con alcuni fra i maggiori compositori contemporanei. Attivo per molti anni nelle maggiori istituzioni lirico-sinfoniche italiane, dal 1998 al 2003 è stato timpanista dell’O.C.I. diretta da Salvatore Accardo. Nella sua esperienza di professore d’orchestra ha collaborato con importanti direttori quali Bernstein, Sinopoli, Chailly, Maazel, Gatti, Morricone, Sawallisch, Chung, Mehta, Frühbeck de Burgos, etc.
Lavora in qualità di solista con diversi gruppi da camera ed è docente di strumenti a percussione presso il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma. Si interessa da sempre alla commistione di linguaggi artistici diversi. Scrive musiche per il teatro, la danza e collabora con artisti visivi. Ha tenuto corsi di interpretazione sulla letteratura per strumenti a percussione al Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, seminari alla Sibelius Accademy di Helsinki e stages in varie parti del mondo.
https://www.facebook.com/antonio.caggiano2

 

Elio Martusciello è un musicista e compositore italiano di musica sperimentale, insegna musica elettronica al conservatorio di Napoli.
Ha studiato fotografia con Mimmo Jodice e arti visive con Carlo Alfano, Armando De Stefano e Rosa Panaro. La sua estetica musicale deriva essenzialmente dall'arte acusmatica, ma oltre alla composizione musicale acusmatica compone per strumenti e live electronics, opera nell'ambito dell'installazione d'arte, dei multimedia, delle arti visive e dell'improvvisazione elettroacustica. Egli è membro fondatore del gruppo Ossatura. Suoi lavori sono stati prodotti da Recommended Records, Staalplaat, Die Schachtel, Ambiances Magnétiques, FMP, GMEM, IMEB, etc. Inoltre ha collaborato con musicisti come Ana-Maria Avram, Natasha Barrett, Eugene Chadbourne, Alvin Curran, Chris Cutler, Iancu Dumitrescu, Tim Hodgkinson, Thomas Lehn, Lawrence D. "Butch" Morris, Jerome Noetinger, Tony Oxley, Evan Parker, Giancarlo Schiaffini, Z'EV, Guy Chenevier, Gene Coleman, Mike Cooper, Rhodri Davies, Dieb13, Jacques Di Donato, Michel Doneda, etc.
https://www.facebook.com/elio.martusciello

 

Antonio Pellicori introdurrà la serata dell'8 parlando di tradizione culturale e musicale africana e afroamericana, e della loro incidenza profonda nel mondo attuale. L’improvvisazione è una componente essenziale di quelle pratiche musicali, che hanno largamente influenzato tutte le dimensioni della nostra esperienza musicale.

Antonio Pellicori ha studiato filosofia alla Scuola Normale e all’Università di Pisa e si occupa di filosofia del linguaggio. Ha organizzato a Pisa per alcuni anni il festival internazionale di jazz e improvvisazione An Insolent Noise e ha collaborato con le riviste Il Giornale della Musica e All About Jazz Italia. Ha tradotto e curato insieme a Francesco Martinelli l’edizione italiana della monografia su Albert Ayler di Peter Niklas Wilson (Albert Ayler. Lo spirito e la rivolta, ETS Edizioni). Oggi si occupa del management di alcuni artisti internazionali con l’agenzia Akamu e organizza eventi culturali a Pisa e dintorni.
https://www.facebook.com/antonio.pellicori
--------------

 

Sotto un sottotesto
Questo lavoro corale e collaborativo approfondisce un processo creativo orientato all'improvvisazione (estemporaneità) e alla produzione di suono, movimento, immagine e luce. Questo formato condiviso e cumulativo tra quattro artisti esperti, accende la creatività e attinge alle loro stesse esperienze per mettere in contrappunto gli elementi scenici, trovare risonanze tra loro e giostrare anche con gli opposti: il silenzio, l’oscurità, l’immobilità e l’assenza di forma.

 

Alessandro Certini e Charlotte Zerbey conducono la loro ricerca tecnica e artistica in nord Europa a partire dal ‘79 per poi fondare nel 1989, in Italia, la compagnia di danza contemporanea Company Blu.
Il percorso artistico della compagnia va dalla produzione di spettacoli alla ricerca coreografica, dall'improvvisazione alla didattica. Altro ambito d’elezione è stato il dialogo fra partiture danzate, immagini video-arte, scenografia e testo integrate alla drammaturgia delle azioni.
Company Blu è da anni in residenza presso il Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino ed è capofila del progetto TRAM (Teatro di Residenza Artistica Multipla) sostenuto dalla Regione Toscana e dal Comune di Sesto Fiorentino.
http://www.companyblu.it/

 

Laura Kavanaugh e Ian Birse presentano spettacoli audiovisivi e installazioni generative utilizzando sistemi hardware / software appositamente progettati. Con il nome collaborativo Instant Places hanno creato opere d'arte in loco in Giappone, Australia, America e Europa.
http://www.instantplaces.ca/

 

 

 

>>> INFO
tel. +39 3483213504
biglietti: intero 10 euro / ridotto sudenti 7 euro
---------------
SPAM! via don minzoni 34, Porcari LU
---------------

 

 

IL PROGRAMMA di TEMPI DI REAZIONE >>>

 

Mercoledì 4 dicembre / Artè

Paolo Rossi (autore-attore), “La Jannacceide”

 

Giovedì 5 dicembre / SPAM!

Cristina Rizzo (danzatrice), Alessandra Cristiani (danzatrice) con Ivan Macera (percussionista)

 

Venerdì 6 dicembre / SPAM!

Katie Duck (danzatrice) con Maria Luisa Pizzighella (percussionista)
precede (h19) un incontro con Roberto Castello, Alessandro Certini, le due artiste e Charlotte Zerbey, moderato da Alessandro Bertinetto

 

Sabato 7 dicembre / Artemisia

Zam Moustapha Dembelé (percussionista) e Dimitri Grechi Espinoza (sassofonista)
introduzione a cura di Antonio Pellicori

 

Domenica 8 dicembre / SPAM!

Antonio Caggiano (percussionista) e Elio Martusciello (musica elettronica)
introduzione a cura di Antonio Pellicori

 

Lunedì 9 dicembre / SPAM!

Company Blu (danza) con Laura Kavanaugh e Ian Birse (musica elettronica)

 

 

 

 

>  INFO e PRENOTAZIONI

 

INGRESSI: 10 / 7 euro

per le serate a SPAM! è NECESSARIA LA PRENOTAZIONE TESSERAMENTO scrivendo a residenze@spamweb.it

www.spamweb.it/it

 

LUOGHI:

Artè, via C. Piaggia, Capannori LU
SPAM! via Don Minzoni 34, Porcari LU
Artemisia via dell’Aeroporto, 10, Capannori LU

 

 

 

 

------------------> > >  Sabato 7/12 (h21) ad Artemisia (Capannori LU) nell'ambito di TEMPI DI REAZIONE >>>

 

Zam Moustapha Dembélé, Griot, polistrumentista / percussionista e Dimitri Grechi Espinoza, grande voce italiana del sax alto.
Introduce la serata, in collaborazione e patrocinio con il Comune di Capannori, Antonio Pellicori

Evento FB

 

 

Zam Moustapha Dembélé, è un Griot del Mali. Polistrumentista, suona tutti gli strumenti tradizionali dell'Africa occidentale: principalmente kora,  balafon, n'goni, tamani (tamburo a braccio) e anche percussioni come calebasse, barà, djembé, dun dun, kolo kolo. E' cantante e compositore di musica africana contemporanea. E' inoltre artigiano tradizionale e costruisce lui stesso i suoi strumenti musicali.
http://www.dembele.it/bio.html

 

Dimitri Grechi Espinoza, grande voce italiana del sax alto, livornese d'adozione, di orgini Portoghesi e Russe, da sempre legato ad una visione, di chiara ascendenza africana, del jazz come musica rituale, sciamanica, dotata di poteri terapeutici e di un'essenza quasi magica...
http://www.dimitrigrechiespinoza.com

 

 

 

 

 

 

 

------------------> > >  il 5 e 6 dicembre a SPAM! (Porcari LU) per TEMPI DI REAZIONE due appuntamenti con l'improvvisazione in danza e musica con >>>

 

> Giovedì 5/12 h 21.00 artisti italiani, riconosciuti e stimati anche in ambito internazionale: Cristina Rizzo (danzatrice), Alessandra Cristiani (danzatrice) con Ivan Macera (percussionista).

Chi ha potuto vedere la grafica e i depliant della rassegna precedente, avrà potuto constatare che abbiamo collocato virtualmente - ma non solo - nelle 'Wonder women' anche Cristina ed Alessandra, ritieniamo infatti di dover omaggiare anche loro di questo titolo..

 

> Venerdì 6/12 h19 e h21 ospite Katie Duck, una delle protagoniste assolute della storia della danza europea, in particolare per quanto riguarda l'improvvisazione in danza, un punto di riferimento per molti dei nomi importanti della coreografia italiana.

La serata prevederà alle h19 un incontro con lei, Roberto Castello, Alessandro Certini, Charlotte Zerbey e Maria Luisa Pizzighella, moderato dal filosofo Alessandro Bertinetto e alle h21 Katie Duck improvviserà con Maria Luisa Pizzighella (percussioni).
Evento FB

 

Cristina Kristal Rizzo
dancemaker, è attiva sulla scena della danza contemporanea italiana a partire dai primi anni 90. Basata a Firenze, si è formata a New York alla Martha Graham School of Contemporary Dance, ha frequentato gli studi di Merce Cunningham e Trisha Brown. Rientrata in Italia ha collaborato con diverse realtà artistiche tra cui il Teatro Valdoca, Roberto Castello, Stoa/Claudia Castellucci, Mk, Virgilio Sieni Danza, Santasangre. É tra i fondatori di Kinkaleri, compagnia con la quale ha collaborato attivamente attraversando la scena coreografica contemporanea internazionale e ricevendo numerosi riconoscimenti. Dal 2008 ha intrapreso un percorso autonomo di produzione coreografica indirizzando la propria ricerca verso una riflessione teorica dal forte impatto dinamico tesa a rigenerare l’atto di creazione stesso e ad aprire riflessioni sul tempo presente. Attualmente una delle principali realtà coreografiche italiane è ospitata nei più importanti festival della nuova scena internazionale. Alla circuitazione degli spettacoli si affianca una intensa attività di conferenze, laboratori e proposte sperimentali. In qualità di coreografa ospite ha creato coreografie per I principali enti Lirici ed istituzioni teatrali italiane, tra i quali: il Teatro Comunale di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino, il Balletto di Toscana Junior, Ater Balletto.
www

 

Alessandra Cristiani
Performer e danzatrice, dal teatro di marca odiniana approda alla danza attraverso una personale esplorazione del training fisico dell’attore. Riceve il Premio Excelsoir come migliore attrice per il corto La foto, regia di Sara Masi, 1997. Dal 1996 indaga il pensiero e la pratica dell’Ankoku Butō. Si laurea in Metodologia e Critica dello Spettacolo con la tesi sperimentale Masaki Iwana e la tradizione del Butō Bianco . The Intensity of nothingness: una metodologia della danza. Crea e dirige con la compagnia Lios la rassegna internazionale di danza butō Trasform’azioni (2001-2011).Con il progetto La fisica dell’anima. Francesca Stern Woodman vince il sostegno Scenari Indipendenti 2008. Nel 2009 prende parte al Progetto Eliogabalo, residenza coreografica con il danzatore Akira Kasai sostenuto dal Paji Europe Japan Foundation. Per il biennio 2011-2013 è coreografa in residenza presso l’Accademia Filarmonica di Roma inserendosi nel Festival Internazionale della danza 2013. Nel 2015 è in Giappone come allieva ospite del centro di ricerca Tenshikan di Akira Kasai. Dal 2016 ha una docenza a contratto presso L’Università di Roma Tre sulle Tecniche performative dell’Ankoku Buto e l’Euritmia steineriana. Lavora stabilmente nella compagnia Habillè d’eau diretta da Silvia Rampelli. L’ultima produzione della compagnia: Euforia, vince il Premio Ubu 2018 come miglior spettacolo di danza. Nomination Premio Ubu 2018 come migliore attrice o performer per gli spettacoli Clorofilla e Euforia.
www

 

Ivan Macera
Percussionista e batterista, basa i suoi studi su un approccio personale dove la radice è la sperimentazione e l'improvvisazione come terreno fertile per la continua e necessaria evoluzione della sua ricerca. Impegnato nell'osservazione e nell'analisi del suono come mezzo per lo sviluppo di un ascolto consapevole, in parallelo a lavori di natura prettamente concertistico/strumentale, nel corso degli anni si è dedicato all'elaborazione e alla realizzazione di oggetti sonori, sculture cinetiche e strumenti musicali utilizzando materiali di provenienze diverse. Concentra sulla pietra l’attenzione degli ultimi anni e grazie all'incontro con lo scultore sardo Pinuccio Sciola, concretizza questo percorso in “Diagenesi”: un progetto che si ispira agli studi mineralogici di permeabilità e porosità dei materiali, indagando le frequenze generate dal processo fisico dell’assorbimento attraverso l’uso di pietre soggette a disidratazione e poi immerse in un liquido.
Ha suonato ed esposto per: CADAF New York e Miami (Maggio/Dicembre 2019); Bangalore International Centre, Science Gallery India; Festival Internazionale di Poesia di Genova; Underdog USA Tour; Concerto del Primo Maggio Bologna; Festival Opera Kantika; Poiesis Festival; Atina Jazz Festival; Festa Europea della Musica; Auditorium Parco della Musica di Roma; Casa Cava di Matera.
www

 

Katie Duck
Nata a Oxnard in California Katie Duck, classe 1951, è danzatrice, coreografa e insegnante. Lasciò gli Stati Uniti nel 1976 per vivere ad Amsterdam e fare tournée in tutta Europa come interprete solista. Nel 1979 si è trasferita in Italia ed ha girato l'Europa con le sue produzioni (“Rutles”, “The Orange Man”,” Brown eye Green eye” , “Mind the gap”..). Insegna dal 1986 ed è molto attiva in rete per sostenere il lavoro di giovani creativi. Attraverso YouTube collabora a spettacoli in streaming dal vivo dagli Stati Uniti all'Europa. Nel corso della sua carriera Katie ha lavorato con artisti che condividono la sua passione per la contaminazione di musica, testo e danza usando l'improvvisazione come mezzo per combinare forme d'arte ed eseguire composizioni dal vivo per esibizioni. Le sue collaborazioni sono state e sono con musicisti, artisti visivi, lighting designer, danzatori, attori e comici. Ha diretto compagnie di danza, compagnie di danza / musica, offre consulenza a giovani artisti e ha scritto testi per le sue esibizioni e articoli critici. Continua a fare tournée in Asia, Stati Uniti, Sud America, Inghilterra, Scandinavia ed Europa con i suoi seminari , il suo progetto di performance “CAGE”.
www

 

Maria Luisa Pizzighella
Nata nel 1988, si è diplomata nel 2009 sotto la guida del M° Matteo Moretti al Conservatorio “G. Cantelli” di Novara, dove, nel 2011, ha conseguito il diploma accademico di II livello per la formazione dei docenti di strumento musicale.
Nel 2008 ottiene una Menzione Speciale alla V edizione del Premio Nazionale delle Arti, nella categoria “Solisti”. Nel 2015, nell’ambito della XVII edizione del concorso bandistico internazionale “Flicorno d’Oro” a Riva del Garda, le viene conferito il titolo di “Miglior solista” con la prestazione allo xilofono del solo scritto da Oliver Waespi nella sua composizione “Divertimento”, eseguita con la Civica Filarmonica di Mendrisio (CH) in categoria eccellenza. Collabora, tra le altre, anche con l'orchestra "G. Verdi" di Milano, "Camerata Ducale" di Vercelli, l'Orchestra Fiati della Svizzera Italiana e la Civica Filarmonica di Lugano (CH). In ambito cameristico collabora in diverse formazioni, tra cui: Bosso Concept, Ensemble Musica XX, l’orchestra di percussioni Waikiki, diretta da Davide Merlino, il quartetto Kourdisma, con cui ha eseguito la sonata BB 115, SZ 110 di Béla Bartók presso il Gran Teatro “La Fenice” di Venezia. Nel 2012 ha partecipato al 46° Internationale Ferienkurse für Neue Musik a Darmstadt (Germania), eseguendo tra le altre la “terza costruzione” di John Cage. Ha frequentato masterclasses con David Searcy, Rainer Seegers, Mike Quinn, Pedro Carneiro, Nuño Aroso, Filippo Lattanzi, Marco Pacassoni, Saverio Tasca, Riccardo Balbinutti, Stanislaw Skoczynski.
Nell’ambito dell’improvvisazione libera si approccia per la prima volta nel 2008, partecipando alla masterclass tenuta dal compositore, pianista ed improvvisatore François Rossé. In seguito frequenta il collettivo di Lodi Improbanda, diretto dal pianista Alberto Braida. Collabora successivamente con Stefano Ferrian, Dalila Kayros, Mikołaj Trzaska nel Paradigm Ensemble, suona nel progetto Intakt di Stefano Ferrian, con Luca Pissavini e Claudio Fabbrini, con cui registra l’album “Urban”. Sempre con Luca Pissavini partecipa alle registrazioni del progetto Trio Contemporaneo, con il quale è stato pubblicato l’album “Libellule”, in collaborazione col pianista Simone Quatrana. Partecipa all’edizione del 2015 della Dutch Impro Academy, esibendosi a L’Aia e ad Amsterdam. Nel 2017 collabora con Enrico Ascoli, Alessandro Nepote, Laura Klain e Mariateresa Nuzzi per la realizzazione dello spettacolo sonoro “Lamborghini Sounds Loud” per Lamborghini presso lo showroom di Milano. Nel 2018 e nel 2019 partecipa all’ Improvvisation Summer Course ad Amsterdam, dove conosce Katie Duck. Nel 2018 si esibisce in uno spettacolo di improvvisazione con Katie Duck e Sharon Smith presso l’Acker Stadt Palast di Berlino. Nell’ambito della musica elettronica, collabora con il dj/producer Stefano Greco, creatore del progetto Fana, per cui contribuisce alla ritmica delle tracce “Talete” e “Susac”, contenute nell’ album “Bias”. Dal 2008 e per nove anni insegna percussioni presso la SMIM “F. M. Beltrami” di Omegna (VB). Dal 2016 ad oggi insegna esecuzione ed interpretazione per percussioni presso il liceo musicale “Piero Gobetti” di Omegna, di cui è docente di ruolo.
FB

 

 

 

 

 

 

------------------> > >  il 4 dicembre ad ARTè (h21 a Capannori LU), grande serata di apertura della rassegna dedicata all'arte dell'imrpovvisazione TEMPI DI REAZIONE con un ospite d'eccezione: PAOLO ROSSI in "La Jannacceide"

 

> Mercoledì 4/12 h 21.00 | Artè (Capannori LU) apre la sei giorni della rassegna TEMPI DI REAZIONE

"La Jannacceide"
spettacolo di/con Paolo Rossi

Il 4-5-6-7-8-9 dicembre ritorna infatti la rassegna che porta l'attenzione sull'arte nobilissima dell'improvvisazione, un'occasione per una riflessione non frettolosa su cosa l'improvvisazione è, e cosa rappresenta sul piano estetico e politico, e che è anche l'opportunità per incontrare il lavoro di alcuni degli artisti che hanno rappresentato e rappresentano a livello nazionale ed internazionale la storia dell'improvvisazione in musica, danza e parola.
Paolo Rossi è uno di questi.

Rossi fin dagli esordi si esprime tramite la sperimentazione, unendo la cultura popolare alla tradizione dei testi teatrali, con uno guardo impietoso sulla società contemporanea e sulle sue assurde dinamiche, con una esilarante vena satirica nella messinscena. Con Paolo Rossi, il teatro torna ad abituarsi alla presenza partecipante del pubblico. Rossi infesta il palcoscenico, il set cinematografico e il nostro televisore di casa, ma soprattutto il nostro sguardo con una vera, debordante comicità, sospesa fra ciò che è classico (e quindi sacro) e il divertito, fra la soap opera e il palco di un concerto rock.

Per Tempi di reazione porterà un lavoro su cui gioca con l'imrpovvisazione: "La Jannacceide", che lui definisce così "un poema comico epico, quasi stand-up. Roba minima. Come direbbe Enzo. Punto".

 

 

>  INFO e PRENOTAZIONI

 

INGRESSI: 10 / 7 euro

PER LA SERATA DEL 4/12 AD ARTè E DEL 7/12 ad ARTEMISIA è CONSIGLIATA PRENOTAZIONE scrivendo a residenze@spamweb.it

O TELEFONANDO AL 3483213504

Artè, via C. Piaggia, Capannori LU

 

 

 

 

------------------> > > WONDER WOMEN 30/11: "La morte e la fanciulla" del duo Abbondanza/Bertoni, Premio Danza&Danza 2017

 

> Sabato 30/11 h 21.00 | SPAM! (Porcari)
"La morte e la fanciulla"
spettacolo di danza scritto per uno straordinario trio di interpreti femminili, firmato da un duo storico e di eccellenza della danza contemporanea italiana, Antonella Bertoni e Michele Abbondanza, definito unanimamente dalla critica della danza e del teatro un capolavoro.

----------------------------
Spettacolo vincitore Premio Danza&Danza 2017 come miglior produzione italiana dell'anno
----------------------------

"...la bellezza infinita e amara del corpo femminile diventa, nel crescere dello spettacolo, ...uno stordente “memento mori”.
...Un umanissimo e commovente canto a quel che è stato e non sarà più."
Andrea Porcheddu, Gli stati generali, 1 luglio 2017

 

In scena tre differenti "capolavori".
Uno musicale: il quartetto in re minore "La morte e la fanciulla" di Franz Schubert
Uno fisico: l'essere umano nell'eccellenza delle sue dinamiche.
Uno spirituale-filosofico: il mistero della fine e il suo continuo sguardo su di noi.
Il nostro pensiero torna a posarsi sull’umano e ciò che lo definisce: la vita e la morte; l’inizio e la fine sono i miracoli della nostra esistenza, così come l'impermanenza dell’essere con le sue forme continuamente mutanti. Questo transitare da una forma all'altra, ha a che fare con l'arte coreutica: portatrice di un tale compito, è essa stessa un balenare di immagini che appaiono e scompaiono continuamente; per questo abbiamo indugiato proprio su quell'aspetto che potremmo definire "crepuscolare" della danza, colta, nelle
nostre intenzioni, proprio nel suo attimo impermanente e transitorio.
Un esempio di scrittura musicale che aspira all’infinito e accompagna l’ascoltatore oltre un’idea razionale, verso l’ignoto e il trascendente. Abbiamo cercato di capire, di aprire, come chirurghi, il corpo di questa
scrittura per scrutarne i vuoti, gli spazi cavi e mai come questa volta comporre è assomigliato a un eterno precipitare, a un fuggire da ogni fine e da ogni senso.
(Abbondanza/Bertoni)

----------------------------

Antonella Bertoni e Michele Abbondanza

Dall’esperienza newyorkese nella scuola di Alwin Nikolais agli studi francesi con Dominique Dupuy, attraverso le improvvisazioni ‘poetiche’ di Carolyn Carlson, lo studio e la pratica dello zen, Michele Abbondanza (co-fondatore del gruppo Sosta Palmizi e docente alla Scuola di Teatro del Piccolo di Milano) e Antonella Bertoni fondano la Compagnia Abbondanza/Bertoni riconosciuta come una delle realtà artistiche più prolifiche del panorama italiano per le loro creazioni, per l'attività formativa e pedagogica e per la diffusione del teatro danza contemporaneo.
www

----------------------------

La morte e la fanciulla
regia e coreografia Michele Abbondanza e Antonella Bertoni
con Eleonora Chiocchini, Valentina Dal Mas, Claudia Rossi Valli
musiche F. Schubert La morte e la fanciulla 
titolo originale Der Tod und Das Mädchen
ideazione luci Andrea Gentili
luci Andrea Gentili e Nicolò Pozzerle
video JumpCut
organizzazione Dalia Macii
amministrazione e ufficio stampa Francesca Leonelli
produzione Compagnia Abbondanza/Bertoni

 

 

 

 

PROGRAMMA COMPLETO DI WW  >>>


18/10 h 21.00 | SPAM! (Porcari LU)

"Decline"

coreografia Masoumeh Jalalieh
danza Masoumeh Jalalieh, Zahra Rostami Shb

 

27/10 h 21.00 | SPAM! (Porcari LU)
incontro e performance

Impromptu – palco, lavatrice, palco

Ambra Senatore

 

28/10 h 21.00 | Teatro San Girolamo (Lucca)

"Sketches on Ligeti"

coreografia Elisabeth Schilling
danza Elisabeth Schilling
pianoforte Cathy Krier
musica György Ligeti

 

5/11 h 21.00 | SPAM! (Porcari LU)

"Evidence of Things not Seen"

coreografia Stephanie Kayal
musica Abed Kobeissy
+

"Being and Nothingness"

danza Paola Lattanzi

 

8/11 h 21.00 | Teatro San Girolamo (Lucca)

"Heroides"

da Heroides di Ovidio e da improvvisazioni e scritture sceniche
elaborazione drammaturgica Elena Bucci, Marco Sgrosso
regia Elena Bucci con la collaborazione di Marco Sgrosso
musiche originali dal vivo Giorgio Distante
con Giorgia Cocozza, Alessandra De Luca, Angela De Gaetano, Emanuela Pisicchio, Maria Rosaria Ponzetta, Anđelka Vulić
di Cantieri Teatrali Koreja in collaborazione con Le Belle Bandiere

 

13/11 h 21.00 | SPAM! (Porcari LU)

"Passi come ali: Trisha Brown danzatrice e coreografa"

incontro a cura di Rossella Mazzaglia

 

15/11 h 21.00 | Artè (Capannori LU)

"Gesù è morto per i peccati degli altri"

regia Maria Arena
genere Documentario, Drammatico
produzione Berta Film
anno 2014

 

 

19/11 h 21.00 | SPAM! (Porcari LU)

Le cospiratrici” Rivoluzionarie russe di fine ottocento.

Lettere e memorie di Olimpia Kutuzova

incontro a cura di Martina Guerrini

 

23/11 h 21.00 | SPAM! (Porcari LU)

Emma Goldman

incontro a cura di Carlotta Pedrazzini

 

25/11 h 21.00 | Teatro San Girolamo (Lucca)

"Smarrimento"

uno spettacolo scritto e diretto da Lucia Calamaro
per e con Lucia Mascino
produzione Marche Teatro

 

30/11 h 21.00 | SPAM! (Porcari LU)

"La morte e la fanciulla"

regia e coreografia Michele Abbondanza, Antonella Bertoni
con Eleonora Chiocchini, Valentina Dal Mas, Claudia Rossi Valli
musiche Franz Schubert – Der Tod und Das Madchen
produzione Compagnia Abbondanza/Bertoni

 

5/12 h 21.00 | SPAM! (Porcari LU)

Cristina Kristal Rizzo (danza / improvvisazione)

danza Alessandra Cristiani (danza / improvvisazione)

musica Ivan Macera (musica / improvvisazione)

 

 

6/12 h 21.00 | SPAM! (Porcari LU)

Katie Duck (danza / improvvisazione)

Maria Luisa Pizzighella (musica / improvvisazione)

 

 

INFO

 

Info WW: www.spamweb.it/it
T. +39 3483213504 - EMAIL: residenze@spamweb.it
---
SPAM! - via Don Minzoni 34, Porcari (LU) > maps

 

 

 

 

 

------------------> > >  WONDER WOMEN 23-25 novembre >>>

 

> Sabato 23/11 h 21.00 | SPAM! (Porcari)
"Emma Goldman"
incontro a cura di Carlotta Pedrazzini
ENTRATA LIBERA con prenotazione
EVENTO FB
----------------------------------
> Lunedì 25/11 h 21.00 | Teatro San Girolamo (Lucca)
"Smarrimento"
spettacolo scritto e diretto da Lucia Calamaro
per e con Lucia Mascino
INGRESSI: 10 / 7 euro - consigliata prenotazione
EVENTO FB
----------------------------------

 

 

-----> Sabato 23 novembre h 21.00 | SPAM! (Porcari)

 

Emma Goldman una delle figure più eroiche e affascinanti dell’anarchismo femminista, presentata dalla studiosa Carlotta Pedrazzini.
Emma Goldman (1869-1940) è stata una delle esponenti più influenti del movimento anarchico statunitense e del movimento rivoluzionario internazionale.
Nata in Russia nel 1869, ed emigrata negli Stati Uniti nel 1885, è considerata la prima anarco-femminista della storia. Definita da J. Edgar Hoover (futuro direttore dell'FBI) “la donna più pericolosa d'America”, Goldman ha preso parte attivamente alle vicende storiche più significative della seconda metà dell'Ottocento e della prima metà del Novecento: le lotte per i diritti dei lavoratori e gli scioperi per le otto ore lavorative, le proteste antimilitariste contro la prima guerra mondiale, i movimenti di liberazione delle donne, le campagne per l'aborto e la contraccezione, la Rivoluzione Russa e la Rivoluzione Spagnola.
Le vicende umane e politiche di Emma Goldman ebbero il mondo come scenario. Per tutto l'arco della sua vita cambiarono i contesti, ma il suo impegno dalla parte delle classi subalterne, per la giustizia sociale e per la libertà non si esaurì mai: “Fino alla fine dei miei giorni, il mio posto sarà con gli oppressi e i diseredati. Non mi importa se i tiranni si trovano nel Cremlino o in un altro centro del potere.”

 

Carlotta Pedrazzini (1989) è redattrice di «A rivista anarchica». Studiosa di Emma Goldman, ha scritto saggi e articoli. Ha curato il libro Un sogno infranto. Russia 1917 (Zero in Condotta, 2017), una raccolta di testi e documenti di Goldman, mai pubblicati in Italia, sulla rivoluzione russa del 1917.
----------------------------

per saperne di più su Emma Goldman >>> http://www.arivista.org/?nr=400&pag=293.htm#7

 

 

-----> Lunedì 25 novembre h 21.00 | Teatro San Girolamo (Lucca)

 

"Smarrimento" il nuovo spettacolo scritto e diretto da Lucia Calamaro, tra le migliori scrittrici italiane per il teatro contemporaneo, dedicato e interpretato da Lucia Mascino.
“Smarrimento” è un dichiarato elogio degli inizi e del cominciare. Di quel momento in cui la persona, la cosa, il fatto, appare o sbuca, ci incrocia insomma, creando presenza dove prima c’era assenza.
Questo topoi fiorisce attraverso la figura di una scrittrice in crisi, oramai da un po’, che ha dei personaggi iniziali di vari romanzi che non scriverà mai, perché non riesce ad andare avanti. Gli editori, per sfangare l’anticipo, le organizzano reading/conferenze in giro per l’Italia, in modo da tirar su qualche economia mentre lei non produce niente di nuovo e in un colpo solo riuscire a vendere all’uscita degli eventi, qualche copia delle vecchie opere.
Quando non si riesce a continuare, non si può che ricominciare.
(Lucia Calamaro)

 

Lucia Calamaro, drammaturga, scrittrice, considerata tra le migliori scrittrici italiane per il teatro contemporaneo. Vincitrice di tre premi UBU e del recentissimo premio Hystrio alla drammaturgia (2019), ha scritto e diretto negli ultimi anni testi innovativi e molto apprezzati dal pubblico e dalla critica.

Lucia Mascino, attrice poliedrica e sui generis, la cui carriera spazia dal teatro (con cui ha iniziato e al quale si è unicamente dedicata per metà della sua carriera), alla televisione, al cinema sia d’autore che popolare. Ha ottenuto riconoscimenti prestigiosi come il Premio Vittorio Mezzogiorno per il teatro, 2 candidature ai Nastri d’Argento come Miglior Attrice Protagonista e il Premio Anna Magnani per il cinema (2018).
----------------------------

Smarrimento
scritto e diretto da Lucia Calamaro
per e con Lucia Mascino
scena e luci Lucio Diana
costumi Stefania Cempini
produzione Marche Teatro
----------------------------

 

 

 

>  INFO e PRENOTAZIONI

INCONTRI E PROIEZIONI: ENTRATA LIBERA
SPETTACOLI: ingresso intero 10 euro / ridotto studenti 7 euro

 

>>>  NECESSARIO PRENOTARSI scrivendo a residenze@spamweb.it

per gli appuntamnti a SPAM! è necessario il tesseramento annuale a SPAM!: 3 euro (lasciando nome-cogn./C.F/email/n.TEL.)
cell.: 3483213504 - 3483213503

www.spamweb.it/it

LUOGHI:

SPAM! - via Don Minzoni 34, Porcari (LU) > maps
Teatro San Girolamo - via San Girolamo, Lucca > maps

 

 

 

 

 

 

 

-------------------> > >   WONDER WOMEN 19 novembre h21 a SPAM!:

 

> Martedì 19/11 h21.00 | SPAM! (Porcari LU): “Le cospiratrici - Rivoluzionarie russe di fine ottocento. Lettere e memorie di Olimpia Kutuzova". Una serata dedicata ad una delle protagoniste del movimento di emancipazione femminile russo della seconda metà dell’Ottocento.
Incontro a cura di Martina Guerrini, filosofa e storica

 

Olimpia Kutuzova è stata una delle protagoniste del movimento di emancipazione femminile russo della seconda metà dell’Ottocento. Proveniente da una famiglia nobile di antico lignaggio risalente alla cerchia di Aleksandr Nevskij, vivrà tra Russia, Svizzera e Italia, organizzando scuole di alfabetizzazione per contadini, fino ad abbracciare la causa antizarista come tante studentesse dell’epoca. Sposata con Carlo Cafiero, tra i fondatori della Prima internazionale in Italia, riuscirà ad evadere dalla Siberia per salvarlo dal manicomio dove sarà costretto nel 1883.

 

Martina Guerrini, filosofa e storica, si occupa di teorie e politiche di genere.
Tra le sue ultime pubblicazioni: Corpi meccanicamente modificati in Politiques, Sexualités – Politiche, Sessualità”, Mimesis, 2009; Donne Contro, Zic 2013; Le Cospiratrici, Bfs 2016. Ha curato la traduzione di Du trop de realité di Annie Le Brun, poetessa surrealista, che sarà pubblicata nel dicembre del 2019.

 

 

 

 

 

-------------------> > >  WONDER WOMEN 13-15/11, due appuntamenti ad ENTRATA è LIBERA:

 

> Mercoledì 13/11 h21 a SPAM! (Porcari - LU): "Passi come ali: Trisha Brown danzatrice e coreografa", presenta Rossella Mazzaglia - una serata dedicata a quella che è forse la più grande e innovativa coreografa degli ultimi decenni

 

> Venerdì 15/11 h21 ad Art'è (Capannori - LU): proiezione del film "Gesù è morto per i peccati degli altri", regia di Maria Arena

 

 

 

-----> Me.13/11 h21 a SPAM! (Porcari - LU): "Passi come ali: Trisha Brown danzatrice e coreografa", presenta Rossella Mazzaglia

A illustrare questa storica figura di artista e intellettuale, Rossella Mazzaglia, la studiosa italiana che su di lei ha realizzato il più alto numero di studi e pubblicazioni. Durante la serata saranno proiettati molti video di repertorio.

“Come fare una danza quando il limite è il cielo?” Dietro la ricerca sistematica di un nuovo modo di concepire la danza si nasconde la visione di una generazione: tutto è possibile! Lo gridavano i giovani creativi agli inizi degli anni Sessanta. Lo pensava Trisha Brown, che di quella rivoluzione ha condiviso l’ironia dissacrante e la libertà di immaginazione, cui ha affiancato la lucidità di un cammino fatto di prove, esperimenti, studio, svolte e rinnovata scoperta di una propria identità e di un proprio pensiero, scaturiti in centinaia d’opere e in soluzioni ardite, come danzare lungo la parete di un edificio o sui grattacieli. Ripercorreremo assieme i suoi passi, ritrovando lo stupore della ragazza e la forza della donna, ormai ricordata da tutti come la madrina della danza postmoderna americana.

 

> l'ENTRATA è LIBERA con prenotazione

 

----------------------------

Rossella Mazzaglia è professore associato in Discipline dello Spettacolo. Insegna presso l’Università di Messina e l’Università di Bologna. Esperta di storia della danza, ha pubblicato numerosi saggi e libri in Italia e all’estero, particolarmente sulla danza italiana e postmoderna americana.
A Trisha Brown ha dedicato la prima biografia artistica, Trisha Brown (L’Epos, 2007) e, nell’occasione della sua ultima intervista pubblica, ha curato con Adriana Polveroni il volume Trisha Brown.
L’invenzione dello spazio (Gli Ori, 2010). Ha tenuto seminari sulla sua opera in Italia e negli Stati Uniti, presso la Columbia University di New York.
Integra teoria e pratica e l’idea di una cultura in azione, che ha trasferito nella co-direzione del progetto Crescere nell’Assurdo. Uno Sguardo dallo Stretto con l’associazione Altre Velocià (Messina, 2016) e nella co-direzione, nel 2017 e nel 2018, del Bologna Social Practice Lab con Pedro Lasch presso la Summer School in Global Studies and Critical Theory (Università di Bologna, Duke University e Virginia University).

 

 

-----> Ve.15/11 h 21 ad Art'è (Capannori - LU): proiezione del film di Maria Arena, “Gesù è morto per i peccati degli altri”.

 

“Gesù è morto per i peccati degli altri” racconta la vera storia dei trans, dei travestiti e delle prostitute che vivono a Catania, nel quartiere di San Berillo, il quartiere delle buttane, un pugno di strette vie in rovina che fino agli anni ’50 erano il cuore commerciale e artistico della città. Per i sette protagonisti del documentario la quotidiana attesa dei clienti è segnata dai ritmi delle feste popolari dedicate a Santi e Madonne. Come novelle Samaritane, le buttane di San Berillo raccontano il loro incontro con la parola di Gesù Cristo e senza vergogna parlano di fede e prostituzione.

Prodotto dalla Invisibile Film, da Maria Arena e da Josella Porto, sostenuto anche da un crowdfunding internazionale, il documentario si avvale di una colonna sonora affidata a musicisti catanesi che conoscono e vivono il quartiere di San Berillo. Sotto la direzione artistica di Stefano Ghittoni, troviamo i brani inediti di Cesare Basile, Agostino Tilotta e Pippo Rinaldi Kaballà e i brani di Uzeda e Turi Zinna. Distribuzione Berta Film.

 

> ENTRATA LIBERA

 

Premi

- Menzione speciale della giuria a Sciacca Film Fest 2015

- Premio Marcella Di Folco al 1°Divine Queer Film Festival, TO 15/11/15

- Premio ‘’Rosebud opera prima’’ a Maria Arena al 20° CostaIblea Film Festival

 

 

Musiche: Stefano Ghittoni, Cesare Basile, Agostino Tilotta, Pippo Rinaldi Kaballà, Uzeda, Turi Zinna
Fotografia: Fabrizio La Palombara
Montaggio: Antonio Lizzio
Produzione: Invisibile Film
----------------------------
https://www.facebook.com/gesuemorto
----------------------------

 

Maria Arena è nata a Catania ma vive a Milano dove si è laureata in Filosofia e diplomata in Regia alla Scuola Civica di Cinema.
Regista e autrice di cortometraggi (Prima della prima, Ceremony, Deserto Grigio, Io/la religion del mio tempo, Perfection, Viaggiatore Solitario), videoclip (Mario Biondi, Mario Venuti, The Dining Rooms, Peter Sellers and THP, Cesare Basile), installazioni video (Spazi e architetture nell’Europa delle città, Due o tre cose che so di lei, FraLeMura), spettacoli teatrali e performance (Camera del sonno, Promise, Io ho fatto tutto questo/dedicato a Goliarda Sapienza, Democrazia, Del Purgatorio, De Cinere). Insegna “Linguaggi e Tecniche dell’Audiovisivo” presso l’Accademia di Belle Arti di Catania dal 2004, di Brera a Milano dal 2002, di Palermo dal 2015 al 2017.

“Gesù è morto per i peccati degli altri” è il suo primo film lungometraggio.

https://www.mariaarena.it/

 

Con la proiezione di “Gesù è morto per i peccati degli altri” SPAM! intende inoltre aiutare la promozione del crowdfunding del nuovo documentario della regista Maria Arena, dal titolo “Il terribile inganno”.

IL CROWDFUNDING
Il progetto del film ‘Il terribile inganno’ ha vinto il bando di ‘InfinityLab-Produzioni dal basso”, che consiste nel portare avanti per due mesi un crowdfunding di 20.000 € “tutto o niente”, che significa che bisogna raggiungere il 50% della cifra per poter vincere e ricevere 10.000€ da Infinity. Se la raccolta fondi non riesce a raggiungere la cifra di 10.000 € si perde anche il resto e vengono restituiti i soldi ai sostenitori. La campagna è iniziata il 29 settembre 2019 e si concluderà tra pochissimo, il 28 novembre 2019. Vincere questo crowdfunding permetterebbe di concludere le riprese, di realizzare le parti in animazione, e di uscire nel settembre del 2020.
Questo è il link alla pagina del crowdfunding per leggere il progetto, vedere il teaser e sostenerlo: http://sostieni.link/23225

 

 

 

INFO

 

Info WW: www.spamweb.it/it
T. 3483213504 - EMAIL: residenze@spamweb.it
---
SPAM! - via Don Minzoni 34, Porcari (LU) > maps
ART'è - via Carlo Piaggia, Capannori (LU) > maps

 

 

 

 

 

 

 

-------------------> > >  WONDER WOMEN: Martedì 5 novembre (h21) a SPAM!, Porcari: la danzatrice/attrice Stephanie Kayal e la danzatrice/performer/coreografa Paola Lattanzi + Venerdì 8 novembre (h21) al Teatro San Girolamo di Lucca: "Heroides", regia Elena Bucci con la collaborazione di Marco Sgrosso / Cantieri Teatrali Koreja in collaborazione con Le Belle Bandiere

 

 

Martedì 5 novembre h21 a SPAM! Porcari (LU),

 

Stephanie Kayal è una giovane autrice/coreografa e peformer libanese che presenterà per Wonder Women un lavoro da 'camera', “Evidence of Things Not Seen”, visto in occasione del BIPOD Festival 2019 di Beirut e realizzato insieme all'artista Abed Kobeissy, che ne ha anche creato anche la partitura sonora.
Il lavoro di Stephanie rappresenta uno dei modi di approccio al linguaggio della danza contemporanea che sta attraversando in questo momento il Medio Oriente, modi accomunati tra loro da una dimensione non iperspettacolare, ma piuttosto legati - soprattutto per quanto riguarda le donne - ad un'intimità di visione e forte partecipazione emotiva alla performance, capace di mettere in risonanza l'emotività degli degli spettatori.

 

Paola Lattanzi è una figura storica della danza contemporanea italiana, legata all'area del teatro di ricerca romano. Ha lavorato con quasi tutti i principali autori della prima generazione della danza contemporanea; è una personalità molto forte, fisica, un'interprete straordinariamente potente.
La performance che presenterà a SPAM! “Being&Nothingess” ha avuto origine grazie all’artista Marinella Senatore che ha invitato Paola  nella sua esibizione "Protest Forms: Memory and Celebration” per Miart e Art Week 2019 a Milano e racconta la storia di una resistenza intima e silenziosa, di un corpo che esprime tenacemente tutta la sua radicale vitalità attraverso la crudezza dei gesti.

 

 

----------------------------

 

Venerdì 8 novembre h 21.00 al Teatro San Girolamo di Lucca andrà invece in scena,
"Heroides", regia Elena Bucci con la collaborazione di Marco Sgrosso / Cantieri Teatrali Koreja in collaborazione con Le Belle Bandiere

 

da Heroides di Ovidio e da improvvisazioni e scritture sceniche
elaborazione drammaturgica Elena Bucci, Marco Sgrosso
regia Elena Bucci con la collaborazione di Marco Sgrosso
musiche originali dal vivo Giorgio Distante
con Giorgia Cocozza, Alessandra De Luca, Angela De Gaetano, Emanuela Pisicchio, Maria Rosaria Ponzetta, Anđelka Vulić
produzione compagnia Cantieri Teatrali Koreja in collaborazione con Le Belle Bandiere

 

"Pensando a questo tempo turbolento, alla molteplice e viva realtà di Koreja e a questo gruppo di sei attrici creative e autentiche, tutte guidate da un forte spirito di collaborazione e ascolto, ma anche tutte molto diverse tra loro, ho pensato ad un'opera strana e avvincente di Ovidio, nella quale potessimo immergerci con curiosità e libertà, misurandoci con quello sguardo verso il passato che ispira e illumina il presente nei momenti di cambiamento e trasformazione, sia che si tratti di un passato biografico che della cultura e della storia dell'umanità...."

(Elena Bucci)

 

per approfondire > scheda web spettacolo

 

 

 

 

 

 

-------------------> > >  WONDER WOMEN 27-28/10: Domenica 27 ottobre (h21) a SPAM! la danzatrice-coreografa Ambra Senatore e Lunedì 28 ottobre h21 al Teatro San Girolamo di Lucca Elisabeth Schilling danzerà sulle note di Ligeti suonato dalla pianista Cathy Krier...

 

Domenica 27 alle 21 a SPAM! Ambra Senatore,

prima italiana a dirigere un Centro Coreografico Nazionale francese, presenterà “Impromptu – palco, lavatrice, palco”, un lavoro specificamente dedicato a SPAM!, realtà di cui la Senatore ha fatto parte per molti anni prima di spiccare il volo per la Francia. Rispondendo all’invito di Roberto Castello, dopo una danza che nascerà di fronte agli spettatori anche sulla base delle loro indicazioni, Ambra Senatore parlerà del suo percorso formativo raccontando delle figure femminili che lo hanno ispirato e accompagnato e del contesto culturale in cui si trova attualmente immersa in Francia, in quanto coreografa, direttrice di un centro di creazione e madre.

 

 

Lunedì 28 alle 21 al Teatro S. Girolamo andrà invece in scena “Sketches on Ligeti” di Elisabeth Schilling,

danzatrice austriaca, accompagnata dalla pianista lussemburghese Cathy Krier. Un vero e proprio concerto da camera in stile mitteleuropeo per danza e pianoforte in cui, mentre il pianoforte si confronta con il rigore degli Etudes di Ligeti, partiture per veri virtuosi, la danza costruisce in parallelo un continuum in perfetto equilibrio fra creazione estemporanea e nitidezza formale. Un lavoro davvero pregevole per linearità e chiarezza di una giovane artista che merita di essere seguita e che SPAM! ha avuto il piacere di ospitare in residenza per alcune settimane la scorsa estate.

 

 

 

INFO

BIGLIETTI
intero 10 euro
ridotto studenti 7 euro

TEL. 3483213504 – 3213503
SPAM! - Via Don Minzoni 34 - Porcari LU
www.spamweb.it

> per gli spettacoli a SPAM! è indispensabile il tesseramento (3 euro) comunicando via email a residenze@spamweb.it : nome-cogn.-CF-indirizzo-email-tel

 

 

 

 

 

 

 

-------------------> > >  Venerdì 18 ottobre (h21) a SPAM! verrà presentato al pubblico e alla stampa il programma di “Wonder women”, la rassegna di danza, teatro, musica e incontri che per tutto l'autunno toccherà Porcari, Capannori e Lucca

 

“Wonder women” è un tributo a tutte le donne che hanno avuto la tenacia, il talento e la fortuna necessarie ad emergere e lasciare un segno nella storia delle arti e del pensiero. Una moltitudine così vasta e varia da essere oggettivamente irrappresentabile.
Questa rassegna presenta dunque una costellazione, necessariamente parziale, di figure femminili diversissime per generazione, linguaggi, ambiti culturali, formazione e provenienza geografica.
“Wonder women” è quindi un atto simbolico, un gesto di gratitudine e riconoscenza rivolto a tutte le donne, note o sconosciute, che hanno contribuito e contribuiscono con coraggio all’evoluzione del pensiero.

 

La serata sarà brevemente introdotta da Roberto Castello, affiancato da alcuni rappresentanti delle istituzioni, e proseguirà con la presentazione di una breve performance della danzatrice-coreografa iraniana Masoumeh Jalalieh che da alcune settimane - con la danzatrice Zahra Rostami Shahrbabaki e il musicista compositore Payman Abdali - è in residenza a SPAM!.

A seguire un rinfresco.

“Wonder women” è una rassegna curata e realizzata da ALDES, con il patrocinio e collaborazione dei Comuni di Lucca e Capannori e con il sostegno di Regione Toscana, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Repulp.

 

INFO sulla performance del 18/10 >>>

 

 

Decline

 

coreografia Masoumeh Jalalieh
danza Masoumeh Jalalieh, Zahra Rostami Shb
drammaturgia Ines Minten
musica Stefan Fraunberger

 

Due donne su due sgabelli.
Si alzano. Si siedono.
Si muovono. Sono bloccate.
Sono vive. Sopravvivono.
Vivono una vita.
La vivono?

 

Il declino della performance minimalista si basa sul movimento della preghiera. Ciò consiste in alcune posture congelate in schemi ripetitivi. Questi schemi possono sempre essere gli stessi, ma la qualità e l'intenzione del movimento cambiano la percezione di ciò che vediamo dall'esterno.
Esistono due versioni di Decline: un assolo e un duetto. Entrambi i germogli formano lo stesso nucleo, ma a volte portano a tipi di interpretazione molto diversi, che sono tutti valevoli. L'interpretazione è gratuita.

 

Masoumeh Jalalieh è un’artista con sede a Teheran che lavora sulle arti performative, come il teatro fisico (mimo) e la danza contemporanea. Per molti anni ha seguito seminari a Teheran. Negli ultimi sei anni ha sviluppato e mostrato il suo lavoro come coreografa e danzatrice in diversi progetti, sia a livello nazionale che internazionale. I suoi pezzi sono stati eseguiti con grande successo di critica al festival Untimely e al Fadjr Theatre Festival in Iran.
Ines Minten scrive di arte e cultura per media (quotidiano belga De Standaard, riviste d'arte come Rekto: Verso e Collect) e organizzazioni (Museum M, Kunstwerkt Leuven, Cultuurloket, Playground Festival). Ha un background in critica d'arte (teatro, danza, arti visive) e più recentemente ha utilizzato questa esperienza per la drammaturgia (della danza).

 

Durata: 18 minuti

 

 

 

INFORMAZIONI

 

> POSTI LIMITATI: è indispensabile la prenotazione via email a residenze@spamweb.it

(lasciando nome-cogn.-CF-indirizzo-email-tel)

> necessario tesseramento annuale a SPAM! (3 euro)

EVENTO FB > https://www.facebook.com/events/540691500069571

TEL. 3483213504 – 3213503

SPAM! - Via Don Minzoni 34 - Porcari LU

www.spamweb.it

-----

per saperne di più su Masoumeh Jalalieh >>> https://masoumehjalalieh8.wixsite.com/website

 

 

 

 

 

-------------------> > >  i prossimi appuntamenti autunno '19 curati da SPAM!:

 

 

 

> 30 ottobre:

"Dialoghi di profughi", spettacolo di Chille de la balanza, ad Art'è Capannori LU

in collaborazione con il Comune di Capannori

 

 

> dal 4 al 9 dicembre:

rassegna "Tempi di Reazione" (a breve il programma), a SPAM! Porcari, Teatro San Girolamo Lucca, Art'è e Artemisia Capannori LU

in collaborazione con i Comuni di Lucca e Capannori

 


 

>>> INFO e prenotazioni

residenze@spamweb.it

T. +39 3483213504

 

 

 

 

-------------------> > >  Lucca, 4-5-6 ottobre WORKSHOP GRATUITO di DABKA, la danza del Medio Oriente con Malak e Bassam Alkhatib

 

SPAM! rete per le arti contemporanee propone un laboratorio gratuito di danza Dabka rivolto a uomini, donne, giovani, anziani e bambini della durata di 3 giorni in preparazione della festa di balli e musica che avrà luogo il 6 ottobre in piazza dei Servi a Lucca in occasione della Festa del Presente.

Il Medio Oriente è un posto straordinario in cui da sempre convive fianco a fianco un’incredibile quantità di popoli, religioni e tradizioni ciascuna delle quali, come è normale, cerca di preservare la propria identità. Un posto in cui insomma ci sono infinite cose che marcano le differenze ma in cui ci sono anche alcune cose fondamentali che accomunano senza eccezioni tutti coloro che abitano quella terra straordinaria in cui oltre 11.000 anni fa è nata la nostra civiltà. Una è nota a tutti, ed è il cibo, una è meno nota, ma non meno importante: il Dabke, o Dabka o Dabki che dir si voglia.
Una danza che in Medio Oriente tutti conoscono e danzano nelle feste: uomini, donne, giovani, vecchi e bambini, cristiani, sunniti, ebrei, sciti, drusi, zoroastriani, sufi etc. Una danza fortemente comunitaria, straordinariamente potente e coinvolgente che fino a pochi decenni fa dovunque uomini e donne di tutte le età ballavano insieme e che invece oggi, dove l’islam è più ortodosso, viene ballata principalmente dagli uomini.
Per i palestinesi in particolare, da molti decenni ormai dispersi in molti paesi, la Dabka è un elemento fortemente identitario.

Non è un caso dunque che a condurre questo breve laboratorio gratuito dedicato ad una delle danze tradizionali che più riescono a trasmettere il senso della comunità siano proprio una ragazza e un ragazzo giordani di origini palestinesi, Malak e Bassam Alkhatib. Per rimarcare che religione, nazionalità, etnia e genere non dovrebbero mai in alcun modo essere motivo di discriminazione.

 

Il workshop gratuito, che sarà tenuto presso la Pia Casa (via Santa Chiara, Lucca), prevede 3 lezioni di 1 ora e mezza ciascuna:

 

 

Venerdì 4 ottobre h 19.30-21.00

Sabato 5 ottobre h 15.00-16.30

Domenica 6 ottobre h 14.30-16.00 + dalle h 17.00 festa Dabka in piazza Dei Servi, Lucca

 

> > > Con l'occasione invitiamo tutti a partecipare attivamente il 6 ottobre alla Festa del Presente all'Agorà di Lucca.

 

EVENTO FB LAB. DABKA > link

EVENTO FB 'LA FESTA DEL PRESENTE' > link

 

 

>>> INFO e PRENOTAZIONI workshop

 

 

> necessaria prenotazione, posti limitati <

residenze@spamweb.it

T. +39 3483213504

 

 

 

 

 

-------------------> > >  martedì 17 settembre h17.00 / Sala Maria Eletta Martini, Lucca: "DIALOGHI SULLA RICCHEZZA - un confronto aperto sui desideri che muovono le nostre scelte"

 

"Si contano ancora molti modi di pensare la ricchezza che spesso sono impliciti, non si manifestano, impregnano fortemente di sé il modo di vivere di tante persone ma non si esprimono nei loro pensieri e nelle loro parole.

Ancora, per molti aspetti, ricchezza è associata a denaro, reddito, ampia disponibilità di beni, patrimonio...

In questa sequenza tali espressioni ci conducono ad altre: aumentare i prodotti, calcolare i profitti, spingere i guadagni...

Se mettiamo in discussione il primo di questi termini, il denaro, ogni altra espressione può acquisire significati diversi. Allora possiamo pensare la ricchezza senza il denaro? La ricchezza diversa dal denaro? Possiamo, e pensiamo sia doveroso farlo, discutere il modello economico in cui siamo immersi, discutere il ruolo del mercato nell'organizzazione della vita sociale, discutere la responsabilità personale e la responsabilità politica.

Intendiamo porre questa riflessione, porre le domande, discutere le parole-chiave, intrecciare le riflessioni e combinare le aspettative e i desideri. Scegliamo la forma del colloquio per individuare quali sono le spinte, quelle più diffuse ma anche quelle più rare ma significative, al muoversi nel nostro tempo. Intendiamo darci uno spazio per ripensare la ricchezza e continuare a rendere possibile un dialogo, un colloquio, una conversazione aperta e libera sulla ricchezza.

Lo facciamo dopo l'incontro del 22 maggio e prima del 6 ottobre quando con la Festa del presente vivremo la ricchezza dell'incontro, del dono , della gratuità."

 

I. Vietina

 

 

Relatori:

SERGIO ARDIS Medico
GIUSEPPE CONTI Ordinario di storia economica
FRANCESCO GESUALDI Saggista
FABIO MASI Operatore culturale
CLAUDIO SARAGOSA Architetto urbanista

 

Saluti istituzionali:

ILARIA VIETINA Assessora del comune di Lucca con delega a: politiche formative, alle politiche di genere e alla continuità della memoria storica

 

Introduce:

FRANCESCO POGGI Storico del pensiero economico, codirettore Festival Economia e Spiritualità

 

Modera:

ROBERTO CASTELLO Artista, direttore artistico di ALDES

 

 

----------------------------------------

> ENTRATA LIBERA <

EVENTO FB >>> link

-----------------------------------------
L’incontro preannuncia La Festa del Presente 2019 che si terrà il 6 ottobre presso l’Agorà di Lucca ed è l'evento di apertura del Festival Economia e Spiritualità
-----------------------------------------
"Dialoghi sulla Ricchezza" è organizzato in collaborazione tra Comune di Lucca, Festival Economia e Spiritualità, ALDES / SPAM! Rete per le arti contemporanee
-----------------------------------------

 

 

 

INFO

info@lafestadelpresente.it
T. 3483213503 - 3483213504
evento FB convegno: link
FB La Festa del Presente: link
www.lafestadelpresente.it
https://economiaespiritualita.it/
www.spamweb.it

volantino f/r (PDF) > link

 

 

 

 

-------------------> > >  martedì 25 giugno h20.30 a SPAM!, l'anteprima - a posti limitati - di MBIRA, concerto di musica e danza, ultima creazione di Roberto Castello

 

> essendo i posti limitati, la capienza massima è di n.30 posti, varrà l'ordine di prenotazione (via email a info@spamweb.it).

 

Quanto ha contribuito l'Africa a renderci quelli che siamo?
Per molti secoli europei e arabi hanno esplorato, colonizzato e convertito ogni angolo del pianeta. Oggi molte culture sono perdute e quella occidentale è diventata per molti versi il riferimento universale. Impossibile dire se sia un bene o un male o sapere se i colonizzati prima della colonizzazione fossero più o meno felici. Sta di fatto che il mondo è sempre più piccolo e meno vario, pieno di televisioni che trasmettono gli stessi programmi e di negozi identici che vendono prodotti identici dalla Groenlandia alla Terra del Fuoco, dalla California, a Madrid, a Riyad a Tokio. Ma spesso capita che, nel processo di colonizzazione, il conquistatore cambi irreversibilmente entrando in contatto con la cultura dei conquistati. Di questo prova a parlare Mbira, un concerto per piazze e teatri che vede in scena due danzatrici, due musicisti e un regista e - utilizzando musica, danza e parola - prova a fare un punto sul complesso rapporto fra la nostra cultura e quella africana.
Mbira è il nome di uno strumento musicale dello Zimbabwe ma anche il nome della musica tradizionale che con questo strumento si produce e "Bira" è anche il nome di una importante festa della tradizione del popolo Shona, la principale etnia dello Zimbabwe, in cui si canta e balla al suono della Mbira. Mbira è però anche il titolo di una composizione musicale del 1981 intorno alla quale è nata una dura controversia legale che ben rappresenta l'estrema problematicità e complessità dell'intrico culturale e morale che caratterizza i rapporti fra Africa ed Europa.
Mbira è insomma una parola intorno a cui si intreccia una sorprendente quantità di storie, musiche, balli, feste e riflessioni su arte, cultura.

-------------------------------------------
pag web Mbira > link
-------------------------------------------
evento FB anteprima posti limitati 25/6 > link
-------------------------------------------
coreografia e regia ROBERTO CASTELLO
musiche MARCO ZANOTTI, ZAM MOUSTAPHA DEMBÉLÉ
testi RENATO SARTI / ROBERTO CASTELLO
interpreti ILENIA ROMANO e GISELDA RANIERI (danza/voce), MARCO ZANOTTI (percussioni, limba) ZAM MOUSTAPHA DEMBÉLÉ (kora, tamanì, voce, balafon), ROBERTO CASTELLO
produzione ALDES - Teatro della Cooperativacon il sostegno di MIBAC / Direzione Generale Spettacolo dal vivo, REGIONE TOSCANA / Sistema Regionale dello Spettacolo
-------------------------------------------

 

 

INFO

entrata: 7 euro
(necessario tesseramento annuale a SPAM!: 3 euro)

> NECESSARIA PRENOTAZIONE via email a info@spamweb.it

la capienza massima è di n.30 posti, varrà l'ordine di prenotazione

cell.: 3483213503
SPAM! Via Don Minzoni 34, Porcari (Lucca) > maps

 

 

 

 

-------------------> > >  mercoledì 22 maggio h17.00 / Villa Bottini, Lucca: "Cos’è la ricchezza? Un confronto aperto sui desideri che muovono le nostre scelte"

 

“Cos’è la ricchezza? Un confronto aperto sui desideri che muovono le nostre scelte” è un incontro, in cui si confronteranno Sergio Beraldo, professore di economia politica all’Università Federico II di Napoli e collaboratore de Il Mattino di Napoli, Elettra Stimilli, docente di filosofia teoretica all’Università La Sapienza di Roma, studiosa del debito e dei rapporti tra politica, economia e religione, Christian Raimo, scrittore, giornalista per Internazionale, il Manifesto, Liberazione, insegnante, assessore alla Cultura del III Municipio a Roma, Francesco Gesualdi, coordinatore del Centro Nuovo Modello di Sviluppo, realtà impegnata nella difesa della dignità umana a livello globale nel rispetto dei limiti imposti dal pianeta, l'On. Maria Chiara Gadda, deputata, promotrice di una legge che porta il suo nome contro lo spreco di cibo.

 

Modererà l’incontro Graziano Graziani, saggista, giornalista, conduttore di Fahrenheit (Radio3).

Aprirà l’incontro Ilaria Vietina, assessora con delega alle politiche formative, politiche di genere e continuità della memoria storica, del Comune di Lucca che promuove l’incontro insieme ad ALDES.

 

--------------------------------------------

> ENTRATA LIBERA <

EVENTO FB >>> link

--------------------------------------------

 

Sarà un’occasione per riflettere - al di fuori di luoghi comuni e pregiudizi – su cosa possa avere senso considerare ricchezza. Produrre ricchezza - individuale o collettiva, per sé o per gli altri - è l’obiettivo per cui combatte ognuno degli oltre 7 miliardi di persone che abitano la terra. Per produrre ricchezza si coltiva, si alleva, si studia, si pensa, si progetta, si estraggono e si lavorano le materie prime, si agisce insomma sull’ambiente e lo si modifica. Ma cos’è la ricchezza, quella condizione a cui tutti mirano e che incide in modo così determinante sul corso delle nostre vite? Di cosa è fatta? Di denaro, di cose, di relazioni, di qualità del territorio?

In un momento in cui la politica sembra orientata quasi esclusivamente dalla contingenza e dalla “convenienza”, programmare un convegno di questo genere risponde al bisogno, oggi più forte che mai, di occasioni pubbliche per cercare senza pregiudizi di individuare nuovi valori di riferimento comuni capaci di guidarci nelle scelte che il nuovo millennio impone.

 

L’incontro preannuncia la Festa del presente 2019 che si terrà il 6 ottobre presso l’Agorà di Lucca.

 

-----------------------------------------
un progetto organizzato dal Comune di Lucca
in collaborazione con ALDES / SPAM!

-----------------------------------------

 

 

INFO

info@lafestadelpresente.it
T. 3483213503 - 3483213504
evento FB convegno: link
FB La Festa del Presente: link
www.lafestadelpresente.it
www.spamweb.it

locandina (PDF) > link

 

 

 

 

 

-------------------> > > 9-11-25 maggio 2019: i prossimi appuntamenti di IMPREVISTI e PROBABILITA', ciclo di 'prove aperte' ed incontri dei lavori degli artisti in residenza presso SPAM! >>>

 

Giovedì 9 maggio (h19.30)

Cadavre Exquis (Lorenzo Giansante, Leonardo Maietto, Giordano Novielli) presenterà una prova aperta del progetto 'site-specific' "Arcipelago"
EVENTO FB 9/5: https://www.facebook.com/events/352992625560435/

 

Sabato 11 maggio (h19)

Roberto Castello e Alberto Gatti presenteranno il lavoro di Pantea Shayesteh, giovane performer iraniana scelta, con una propria creazione, da Marina Abramovich per la grande mostra da lei realizzata a Bangkog l'autunno scorso.
EVENTO FB 11/5: https://www.facebook.com/events/2450092235009826/

 

Sabato 25 maggio (h18)

la compagnia Enzo Cosimi presenterà una prova aperta del riallestimento dello spettacolo "Estasi"

 

 

Gli appuntamenti di IMPREVISTI e PROBABILITA' non hanno come obiettivo la presentazione al pubblico di spettacoli finiti e collaudati, bensì quello di presentare 'prove aperte' di alcuni dei lavori delle oltre 20 compagnie italiane e straniere che SPAM! sta ospitando in residenza nella sua sede durante il 2019.
Lavori che, per arrivare al meglio al debutto ufficiale, a volte hanno bisogno del riscontro critico di gruppi di spettatori.

 

 

 

> INFO

ingresso: 2 euro
(necessario tesseramento annuale a SPAM!: 3 euro)

> necessaria prenotazione scrivendo a residenze@spamweb.it

cell.: 3483213504
SPAM! Via Don Minzoni 34, Porcari (Lucca) > maps

 

 

 

 

 

 

-------------------> > > lunedì 8 aprile 2019 - h19.30 c/o SPAM!: CARNE FURIOSA - Ovvero la costante metamorfosi umana che sfugge ad ogni tentativo di classificazione della realtà (anteprima) di Francesca Lettieri / Compagnia ADARTE, la prossima prova aperta di “IMPREVISTI e PROBABILITA'”, ciclo di 'prove aperte' ed incontri, dei lavori degli artisti in residenza creativa presso SPAM!

 

 

CARNE FURIOSA - Ovvero la costante metamorfosi umana che sfugge ad ogni tentativo di classificazione della realtà.
- anteprima -

 

di Francesca Lettieri / ADARTE

 

Lo stato liquido della realtà e la difficoltà di comprenderne l’evoluzione; sulla scena il corpo incarna il furioso stato di adattamento ai continui cambiamenti di genere, età, condizione sociale, appartenenza geografica, stato emotivo.
Senza obbiettivi narrativi il progetto è alla ricerca di una danza inquieta sempre in contrasto con sé stessa ma fedele al sentire; il desiderio di felicità e l’informe caos che costituiscono la natura umana trovano nella danza il media perfetto per raccontare una realtà effimera che sfugge ad ogni tentativo di classificazione.

“Credo in una danza che esprime la continua trasformazione dello stato umano inquieto, effimero, fragile e brutale. Sono convinta che l’opera coreografica sia un’alchimia libera ma organizzata di bellezza e umana mostruosità, ordine e disordine, desiderio e sensualità, furia e sereno stato dell’essere, forza e fragilità,  un percorso creativo in cui i danzatori si esprimono spontaneamente alla ricerca di un linguaggio profondo, sensibile e libero da canoni estetici e formali imposti dal coreografo”.
(Francesca Lettieri)

 

-------------------------------------------
Regia, Coreografia, Costumi: Francesca Lettieri
Danzato e creato con: Cristina Abati, Sussanah Iheme, Francesca Lettieri, Vladimir Rodriguez, Maria Novella Tattanelli
Disegno Luci: Gabriele Termine
Realizzazione Costumi Originali: Sonia Biribicchi
Collaborazione al progetto: Vito Mancusi
Foto di scena: Mohsen Sariaslani
Produzione: Compagnia ADARTE
Con il sostegno di Regione Toscana e Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per le
residenze Garyu Centro di arti orientali e discipline del corpo,  HOME Centro Creazione Coreografica 2019,  ALDES/SPAM! rete per le arti contemporanee

-------------------------------------------
sito web ADARTE > link
-------------------------------------------

 

-------------------------------------------
EVENTO FB > link

 

 

 

 

 

-------------------> > > sabato 2 marzo 2019  h18.00 "Oasi" (prova aperta - work in progress) di Compagnia Malakoffla la prossima prova aperta di “IMPREVISTI e PROBABILITA'”, ciclo di 'prove aperte' ed incontri, dei lavori degli artisti in residenza creativa presso SPAM!

progetto selezionato per rappresentare l'Italia alla piattaforma europea Circus Next 2017/2019
-------------------------------------------
evento FB: link
-------------------------------------------

Oasi è un percorso di indagine sulla solitudine.
Quella solitudine che appartiene all’essere umano già nel momento del suo primo respiro.
Una solitudine che è individualità e che ci definisce nell’unicità delle nostre esperienze terrestri. La solitudine che ci spinge verso il gruppo e che usiamo per metterci al riparo dalla socialità.
L’indagine emotiva che si sviluppa in Oasi, si articola attraverso il confronto con la comodità, il fastidio, la complicità e la risata.
L’approccio comico al lavoro è di basilare importanza per poter condurre lo spettatore in un percorso emotivo che varia dall’inizio alla fine. La comicità dilata la possibilità di affrontare argomenti, relazioni e situazioni su un piano personale, rendendo leggero ciò che reputiamo pesante e pubblico ciò che consideriamo privato.
Nel tempo presente indaghiamo un mondo fatto di rotoli di carta che ci porta verso un immaginario obbligatoriamente semplice che articola il gioco sia sulla componente dentro/fuori che su quella cosa/come.
Oasi rielabora immagini conosciute per offrire allo spettatore nuove informazioni di facile lettura.

-------------------------------------------
il lavoro è attualmente in una fase iniziale di creazione
durata approssimativa 30-40min. / la compagnia introdurrà la prova aperta con una breve presentazione e, a fine prova, ha piacere di avere dal pubblico eventuali feedback
-------------------------------------------
EQUIPE DI CREAZIONE
Ideazione, regia e rappresentazione: Luca Bellezze e Michele Fois
Occhio esterno e accompagnamento alla creazione: João Fiadeiro   
Ambiente sonoro: Simone Bottasso 
Tecnico: Eric Tarantola
Costumi: Colomba Ferraris
Realizzazione scenografica: Stefano e Simone Brazzale  
Video Maker: Stella Iannitto
Amministrazione: Tangi Jehanno - SmartFr

-------------------------------------------
sito web Malakoff > https://www.malakoff.eu/
-------------------------------------------

 

 

 

 

archivio